Home Attualità Arneo, gli Atti di Riscossione arrivano attraverso la PEC. Attenzione!

Arneo, gli Atti di Riscossione arrivano attraverso la PEC. Attenzione!

da Cosimo Saracino
0 commento 210 visite

distante600X150

La vicenda dei Tributi richiesti dal Consorzio di Bonifica dell’Arneo è lontana da una soluzione definitiva. Il Consorzio continua il suo percorso amministrativo verso l’incasso delle somme richieste e, abbandonando la notifica a mezzo Raccomandata A.R., decide di utilizzare la Posta Elettronica Certificata per notificare gli atti di riscossione.

Negli ultimi giorni stanno arrivando nelle caselle di posta certificata di diverse aziende agricole locali le lettera con la “Notifica atti di Riscossione”.

Chi negli ultimi anni ha comunicato agli Enti preposti il proprio indirizzo PEC adesso si vede recapitare l’importante atto da parte del Consorzio di Bonifica attraverso internet.

Sono tanti i cittadini che si lamentano del fatto che la posta elettronica certificata non viene letta spesso e quindi si rischia che trascorrano invano i tempi necessari per fare opposizione.

La Soget Spa (società concessionaria del servizio di riscossione) nell’interesse del Consorzio di bonifica dell’Arneo sta invitando le aziende agricole al pagamento di Tributi richiesti (anche di pochi euro, Sic!) in assenza del quale – scrive la presidente della SO.G.E.T. dott.ssa Lina Di Lello –  “avvieremo immediatamente le procedure per il recupero coattivo del debito sulla base della normativa vigente con addebito delle ulteriori spese per le procedure esecutive”.

Attenzione, quindi, controllate la posta elettronica certificata e verificate che vi sia stato notificato l’atto di riscossione poichè ci sono appena trenta giorni di tempo per fare opposizione.

Trascorsi i “30 giorni dalla notifica dell’atto – si legge nella lettera –  senza che sia avvenuto l’integrale pagamento, sarà dato corso alle procedure esecutive previste dall’art. 4 D. L. 24/09/2002 n° 265, e più precisamente:

  1. pignoramento mobiliare
  2. Fermo dei beni mobili registrati (autoveicoli, motoveicoli ecc.)
  3. pignoramento immobiliare/iscrizione ipotecaria
  4. ogni altra procedura prevista e consentita dal titolo II D.P.R. 602/1973

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Privacy Policy Cookie Policy

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND