Home Politica Dimastrodonato, ARNEO: la politica ha fallito

Dimastrodonato, ARNEO: la politica ha fallito

da Ivano Rolli
0 commento 185 visite

E’ compito di chi è chiamato al ruolo istituzionale di svolgere le giuste funzioni di controllo,  di seguire i vari percorsi amministrativi e burocratici. di informare la comunità.

 Dopo  l’incontro dibattito previo INVITO  a tutti i Sindaci che rappresentano i Comuni che fanno parte dei Consorzi di Bonifica, da parte dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Dott. Leonardo Di Gioia  svoltosi a Bari il giorno dieci agosto ’16, tutta la stampa il giorno dopo ha riportato notizie clamorose e certe che il pagamento delle cartelle relative al Tributo 630 per gli anni 2014, 2015 e 2016 a favore dei Consorzi di Bonifica tra i quali anche l’Arneo  erano da considerarsi sospesi da parte della Regione e da parte dei Consorzi, in quanto poiché risultavano già presentate migliaia di domande di ricorsi  presso le Commissioni Tributarie, quindi era preferibile aspettare le sentenze da parte dei Giudici.

ECCO IL FALLIMENTO DELLA POLITICA, NON E’ IN GRADO DI RISOLVERE IL PROBLEMA  E SI AFFIDA ALLE SENTENZE DEI GIUDICI.

Nei giorni successivi sempre sulla stampa tutti Sindaci compresi anche quegli assenti all’incontro, hanno ribadito la sospensiva e che si era in attesa di un documento ufficiale.

  E’ pur vero che vi era la festività di Ferragosto, ma sono passati più di venti giorni e notizie circa il documento di sospensiva non vi è traccia.

Però la SOGET, azienda incaricata alla riscossione non si è fermata nemmeno a Ferragosto e continua ad far recapitare gli atti di IINGIUNZIONE  di PAGAMENTO.

Tutto progettato ad arte  ossia si lancia la notizia, non segue un atto propedeutico  però la gente  che crede nelle istituzioni, convinta ed in buona fede perde anche la possibilità del ricorso alla Commissione Tributaria.

Notizie ufficiali di invio delle cartelle di ingiunzione del tributo è stato pubblicato sulla Gazzetta del 02 Settembre /2016

SINDACO SONO AMAREGGIATO PER IL COMPORTAMENTO ANCHE DI TUTTI I SINDACI CHE HANNO  PARTECIPATO A QUELL’INCONTRO

perché voi siete quelli che dovete rappresentare e tutelare i vostri concittadini, invece forse perché siete tutti allineati politicamente non intraprendete nessuna iniziativa in merito.

 Forse è arrivato il momento di uscire dai Consorzi, chiudere questi carrozzoni, e chiedere alla Regione che quei finanziamenti regionali disponibili di cui parlava l’Assessore pari a  € 110.000.000/00 oltre quelli che arriveranno con il Patto per Sud, siano devoluti ai Comuni e solo così potranno essere eseguiti quei lavori che i Consorzi non hanno fatto per oltre vent’anni.

Questo  è possibile se Voi SINDACI avete il coraggio di osare, perché noi cittadini rimaniamo convinti che  il Pagamento del Tributo sarebbe una vera e propria RAPINA.

Oltre a quanto già fatto in aiuto ai cittadini, con il ricevimento degli  Avvisi di Pagamento  notificati dalla SO.G.E.T. S.p.A., agente di riscossione per conto dell’Arneo, si è deciso di preparare con il supporto oltre al tecnico anche legale un Ricorso Amministrativo presso la Commissione Tributaria di Lecce,  per  tutti coloro che intendono richiedere l’annullamento del tributo, in quanto in democrazia, quando la politica fallisce,  solo la decisione dei Giudici Tributari può stabilire se il tributo richiesto deve essere pagato, ed anche se dovesse arrivare la sospensiva, gli avvisi ricevuti sono oggetto di ricorso altrimenti devono essere pagati.

Sindaco se non ci saranno immediati risvolti,   a breve  insieme ai partecipanti al ricorso organizzeremo una manifestazione pubblica rivolta a tutti i contribuenti,  a tutte le organizzazioni che operano nel settore, alle Amministrazioni Comunali facenti parte dello stesso Consorzio ed a tutti i politici di qualsiasi natura e grado che possono dare un mano alla risoluzione del problema  .

Mesagne li 03/09/2016

Carmine Dimastrodonato

Consigliere Comunale

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND