Home Dal Territorio Ennesimo danno ambientale al Canale Reale: guide ambientali, esperti e cittadini: “È necessario continuare la sensibilizzazione sul più importante corso d’acqua del Salento”

Ennesimo danno ambientale al Canale Reale: guide ambientali, esperti e cittadini: “È necessario continuare la sensibilizzazione sul più importante corso d’acqua del Salento”

da Redazione
0 commento 239 visite

Apprendiamo con disappunto la notizia che l’alveo del Canale Reale sarebbe stato ricoperto e livellato “per i 360 metri lineari iniziali, con deviazione del deflusso delle acque sorgive su una canalizzazione creata artificialmente”.

La notizia, riportata dalle testate locali, riferisce che “i lavori sono stati realizzati con il riporto e lo spianamento di ingenti quantità di terreno e altro materiale lapideo, presumibilmente per ricavare superfici coltivabili” e che è stato denunciato dai Carabinieri Forestali di Ceglie Messapica il titolare di un’azienda agricola senza “alcun titolo autorizzativo per i lavori effettuati, né del Comune, né della Soprintendenza Aba e Paesaggio, e tantomeno dell’Autorità di Bacino”.

La nostra incredulità è aumentata dal fatto che proprio pochi giorni prima della scoperta effettuata dai Carabinieri Forestali, si era conclusa la prima edizione del “Canale Reale Green Festival”, nell’ambito del Contratto di Fiume, che ha coinvolto centinaia di persone in tutta la provincia di Brindisi e aveva come fine proprio quello di sensibilizzare le comunità locali sull’importanza di questo corridoio ecologico.

Siamo rimasti allibiti ancora di più nell’apprendere che questo reato sarebbe stato perpetrato al cuore di questo fiume, cioè proprio alle sue sorgenti, causando un danno ambientale inestimabile.

Ci chiediamo come sia possibile che un privato cittadino possa aver messo in atto un’opera di devastazione di tale portata proprio mentre gli occhi della Regione Puglia, dei Comuni di Villa Castelli, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, San Vito dei Normanni e Carovigno, oltre che di Istituzioni come Acquedotto Pugliese e di varie associazioni sono puntati su questo bene paesaggistico?

Stride a tal punto il contrasto tra i discorsi tenuti durante i lavori del Contratto di Fiume, siglato nel 2022, e questa amara notizia, che non si può fare a meno di notare una distanza tra il Canale Reale “immaginato” dalle comunità e, chiedendo scusa per il gioco di parole, il “reale” Canale Reale.

Come è stato possibile non accorgersi di quanto stava accadendo?

Prendiamo atto del fatto che le istituzioni dovrebbero approfondire la conoscenza di un territorio che ancora conoscono poco se non vogliono che tutte le parole pronunciate appaiano come vuoti gusci, come quelli che le cicale lasciano in estate sugli alberi di ulivo.

Qual è la conoscenza effettiva che Acquedotto Pugliese ha del territorio oltre ai meri spazi di sua competenza come i depuratori?

Di che cosa si parla quando si parla di Canale Reale? Di una vaga idea o di un insieme reale di acqua, terra, fango, piante e fauna? Si conoscono realmente i 48 chilometri del corso fluviale?

Sono mai stati fatti dei sopralluoghi sistematici che abbiano coperto tutto il corso del fiume?

Siamo sicuri che la situazione emersa dall’operazione “Fiume Sicuro” sia isolata e non ve ne siano altre analoghe che ancora non sono state portate alla luce?

Una domanda su tutte chiede una risposta: qual è il ruolo del Consorzio di Bonifica ARNEO in tutta questa vicenda? Come ha fatto ARNEO a non accorgersi di quanto stava avvenendo, quando proprio lo stesso consorzio è incaricato di bonificare gli argini del Canale?

Non sarebbe forse giunto il momento di mettere in discussione il ruolo di gestione che ARNEO ha sul Canale, individuando enti con competenze più adeguate?

L’attenzione attorno al Canale Reale negli ultimi anni è aumentata, così come la consapevolezza dell’importanza di questo fiume, sia dal punto di vista ecologico che storico e identitario per il nostro territorio.

Il territorio della provincia di Brindisi ha da poco avviato le procedure per candidarsi come sito MAB, Man and the Biosphere, UNESCO, “un programma intergovernativo […] per promuovere su base scientifica un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente attraverso la tutela della biodiversità e le buone pratiche dello Sviluppo Sostenibile”. (https://www.unesco.it/it/iniziative-dellunesco/mab/) .

Come può questo territorio aspirare ad un così alto riconoscimento nel momento in cui non è capace, nell’insieme dei suoi attori, di presidiare il proprio territorio?

Siamo consapevoli che il nostro territorio, quello dell’intera provincia di Brindisi, sia un territorio difficile, depresso economicamente ed esposto alla speculazione economica nelle sue più svariate forme.

Sappiamo che la sensibilità sulle tematiche ambientali è labile e molto spesso soccombe davanti all’illusione di un facile guadagno economico.

Conosciamo, infine, la crisi identitaria che coinvolge le nostre comunità e che le porta quasi a rinnegare un ambiente che spesso viene associato solo alla durezza del lavoro nei campi e alle ristrettezze economiche derivanti.

Da qui le persone fuggono, e fuggono anche perché le risorse naturali che abbiamo, che potrebbero essere sfruttate per creare uno sviluppo equo e sostenibile, vengono costantemente stuprate.

Intombando e sfregiando le sorgenti del Canale è come se si intombassero le speranze e il futuro di un’intera comunità.

In qualità di guide ambientali escursionistiche, operatori del turismo e del mondo dell’associazionismo, oltre che come singoli cittadini e società civile, chiediamo alla Regione Puglia, al Politecnico di Bari, ad ARNEO, all’Acquedotto Pugliese ai comuni di Villa Castelli,

Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, San Vito dei Normanni, Carovigno, che emergano e vengano assunte le responsabilità istituzionali in merito a quello che è avvenuto perché sarebbe riduttivo immaginare che siano solo da imputare all’imprenditore denunciato.

 

Firmatari/e documento di sensibilizzazione sul Canale Reale:

  1.  Paolo Summa, Guida Ambientale Escursionistica
  2. Enrico Saponaro, Guida Ambientale Escursionistica
  3. Stefano Bello, Guida Ambientale Escursionistica
  4. Maria Domenica Maggiore, Guida Ambientale Escursionistica, Associazione Transumanza
  5. Vincenzo Intermite, Guida Ambientale Escursionistica, Associazione Transumanza
  6. Fabio Montefiore, Vice responsabile CamminaMenti Puglia Aps
  7. Brunilda Tahirllari, Mesagne Bene Comune
  8. Mario Badino, Insegnante
  9. Maria Carmela Capraro, Aps Street View
  10. Felice Lotesoriere, Imprenditore
  11. Anna Chiara Scalera, Mesagne Bene Comune
  12. Cinzia Randino, Educatore ambientale
  13. Assuntina Sollecito
  14. Giancarlos Stellini
  15. Giuliana Gemma, Associazione il Giunco
  16. Gabriele Fanelli, Fotografo, Associazione Petrolio
  17. Marco Montanaro, Associazione Petrolio
  18. Antonio Eugenio De Simone, Consigliere Comunale Francavilla Fontana, Partito Democratico
  19. Francesco Schiavone
  20. Francesca Mola
  21. Pompilio Vergine, Ricercatore, Istituto di Ricerca sulle Acque del N.R.
  22. Pierluigi Sarli, studente
  23. Domenico Giglio, Il Popolo degli Ulivi
  24. Adriano Saponaro, studente
  25. Fabiola Fumarola
  26. Alessandro Palazzo, commerciante
  27. Gigliola Palazzo, Legambiente circolo Piaroa
  28. Andrea Bitonto, docente
  29. Valeria Denitto, educatrice
  30. Luigi Strambaci, libero professionista
  31. Anna Sacco, Guida Ambientale Escursionistica
  32. Gaetano Pascolla, Guida Ambientale Escursionistica, Accompagnatore turistico
  33. Ginevra Viesti, Guida Turistica
  34. Fiorella Rubino, Guida Ambientale Escursionistica
  35. Enrico Altini, biologo naturalista
  36. Katrin Daniele-Petzoldt, Guida turistica e ambientale escursionistica
  37. Rosa Grassi, Guida Ambientale Escursionistica
  38. Giovanni Colonna, Guida Ambientale Escursionistica
  39. Antonella Golia, Libera professionista, M’Arte sas
  40. Domenico Ble, Docente
  41. Francesco Salvatore Chetta, Guida Ambientale Escursionistica, Impronte Escursioni
  42. Maria Franca Mangano, Guida Ambientale, coop Gaia

 

  1. Ilaria Demitri, Guida turistica
  2. Giancipoli Leonardo, Agente di commercio
  3. Laura Scalera, Colture Urbane
  4. Paolo Buccarello
  5. Argentieri Angela, Guida Ambientale Escursionistica
  6. Alessandro Perrone, Guida Ambientale Escursionistica
  7. Cosimo Miola, Presidente Confcommercio Taranto
  8. Maria Concetta Velardi, Guida Turistica
  9. Rosario Gatto, Guida Ambientale Escursionistica
  10. Simona Gatto, Docente
  11. Andrea Tenore, Mesagne Bene Comune
  12. Rossella Brando, Pedagogista
  13. Fosca Tanzarella
  14. Anna Lucia Demilito, Guida ambientale escursionistica
  15. Ileana Tedesco, Guida Ambientale Escursionistica
  16. Daniele Coluccia
  17. Monica Fontanive, Mental Coach
  18. Isa Zizza, Insegnante
  19. Addolorata Gianfreda
  20. Isabella Vitale, Avvocato
  21. Nicoletta Mita, commerciante
  22. Marco Marsella, Guida Ambientale Escursionistica
  23. Carlo Cito
  24. Carmen Vitale Avagliano, Guida Ambientale Escursionistica
  25. Gianmarco Meo, Biologo
  26. Elena Lenzi
  27. Antonio Carlucci, Insegnante
  28. Monica Fontanive
  29. Francesco Bottari, Legambiente circolo Piaroa
  30. Cloé Gosparo, Guida Ambientale Escursionistica
  31. Francesca Radin, Agricoltrice, Azienda Agricola L’Onda Fertile
  32. Anna Maria Cervellera, videoterminalista

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND