Home Attualità Lettera ai politici di Mesagne. “Ci sono porte e porte…” di Ida Ziconza

Lettera ai politici di Mesagne. “Ci sono porte e porte…” di Ida Ziconza

da Cosimo Saracino
Pubblicato Ultimo aggiornamento: 0 commento 203 visite

 

Antonio_Ziconza_quimesagneCi sono porte e porte.

Quelle alle quali bussi gonfio di orgoglio e di speranza, pieno di belle parole, false promesse e quella buona dose di ipocrisia che da sempre accompagna i politicanti o aspiranti tali di belle speranze. Non ci si pone remore alcuna a chiedere favori, voti e, perché no, anche un po’ di grana che tanto la bella faccia e le belle  parole sopperiscono alla più totale mancanza di serietà.

Ma questa, a Mesagne come nel resto d’Italia, è storia di tutti i giorni.

Però ci sono anche quelle porte alle quali bussi, poi, per portare cordoglio, vicinanza, persino quella strana parola chiamata “gratitudine”, magari, perché no, suffragati da quella famosa buona dose di ipocrisia.

Che non è il massimo dal punto di vista umano e spirituale ma almeno salvi la faccia.

E invece no, c’è chi è talmente piccolo e pieno di sé che non si sforza neanche a ricorrere alle incombenze di facciata in determinate occasioni perché tanto il tempo dei favori dietro promesse mai mantenute è già passato.

Non si tratta più di mere questioni politiche, ma di umanità. Concetti che comunque si fondono perché la storia e il buon senso mi insegna che il politico che non rispetta i propri concittadini non è un buon politico.

E un uomo che non rispetta una persona che tanto ha fatto per lui non è un buon uomo.

Eppure era la stessa porta alla quale si aveva bussato anni addietro. Quella porta che era stata spalancata, così come il cuore e il portafogli. Non era poi così difficile.

E invece quella soglia da mercoledì ad oggi non è mai stata varcata. Certo, non si tratta di una dipartita degna di nota. Una di quelle per cui ci scappa il comunicato dell’Ufficio Stampa o la presenza in pompa magna al funerale.

Si tratta della morte di un ottantenne che si muoveva per le vie di Mesagne con un Ape per cui al diavolo la gratitudine, al diavolo il senso del dovere e persino la buona educazione, non si avverte più il bisogno di ripresentarsi dinnanzi a quella porta un tempo così cara.

Il dolore per l’incommensurabile perdita non mi consentirebbe nemmeno lo spreco di tempo ed energie per stare qui a scrivere ma sostengo fosse un atto dovuto, per la memoria di mio Padre, un uomo integerrimo che è sempre stato al vostro fianco senza nulla pretendere in cambio, spinto solo dalla passione, dall’amicizia e da quel sogno, evidentemente mai realizzatosi, di un mondo migliore, di persone migliori.

Ma finchè i politici, e dunque gli uomini, dimenticheranno il senso della parola “rispetto”, ahimè il sogno di Antonio Ziconza rimarrà per sempre tale.

Cordialmente, Ida Ziconza

 

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND