Home Politica Lettera aperta di Francesco Rogoli a Michele Emiliano

Lettera aperta di Francesco Rogoli a Michele Emiliano

da Cosimo Saracino
4 commenti 188 visite

rogoliCaro Presidente,
La comune militanza, malgrado la tua “eterodossia”, mi consente di darti del tu. Oggi sarai a Mesagne per partecipare ad un incontro pubblico dal titolo “Dialogo sulla Costituzione” organizzato da un’associazione che legittimamente affronta un tema molto importante a due settimane dal referendum del 4 Dicembre prossimo. Ora, è difficile immaginare che questo appuntamento sarà slegato dalla campagna referendaria in pieno svolgimento, a maggior ragione se i rappresentanti istituzionali e dei comitati con i quali sei chiamato a dialogare sono, come te, apertamente e legittimamente schierati per il No alla riforma della seconda parte della Costituzione, sulla quale i cittadini sono chiamati ad esprimersi. Per questo penso che più che un dialogo, che per avere ragion d’essere presuppone l’esistenza di punti di vista differenti, andrà in scena una “tribuna elettorale” a sostegno delle ragioni No al referendum costituzionale.

Non ci sarebbe nulla di sbagliato se non fosse che solo qualche giorno fa sei stato tu a dichiarare dalle pagine del “Quotidiano di Puglia” che, pur votando No, non avresti fatto campagna elettorale e che a questo Governo (che come ricorderai è nato con la missione di portare a compimento le riforme istituzionali) “non c’è alternativa”, pur sapendo che, per la situazione che si è determinata, una vittoria del No con ogni probabilità comporterebbe le dimissioni del Presidente del Consiglio. Ma non solo, saranno tuoi interlocutori nel corso dell’iniziativa il Sindaco di Mesagne Pompeo Molfetta e il Deputato Toni Matarrelli, rispetto ai quali il tuo partito a Mesagne è collocato all’opposizione anche grazie alle tue scelte durante la campagna elettorale per le primarie prima e per le regionali poi. Lo stesso Matarrelli che oggi vota No, preoccupato dalla riduzione degli spazi della democrazia, ma che da deputato di Sel ha votato l’Italicum, la legge elettorale che per tanti sostenitori del No determinerebbe, in combinato disposto con la riforma costituzionale, le condizioni per una “svolta autoritaria”. Credo caro Presidente che ognuno è libero di seguire la propria coscienza e anche di battersi pubblicamente per le proprie idee sperando di convincere gli altri (a patto che non dichiari il contrario ), ma, francamente possiamo dircelo, dire e fare tutto e il suo contrario non è un modo serio di stare in un Partito.

A maggior ragione se per due volte in nove anni di quel Partito sei stato Segretario, proprio come è capitato a te in Puglia. Quanto alla tua attenzione per Mesagne, città alla quale non manchi mai di dichiararti profondamente legato, vorrei chiederti di informarti (ma i tuoi interlocutori non lo faranno) sulle battaglie che il PD dall’opposizione sta conducendo a difesa di principi e valori ai quali spesso, quando un tempo venivi a Mesagne sotto le bandiere del PD,  hai fatto riferimento. Ad ogni modo, dal momento che è nell’esclusivo interesse della città che ci impegniamo, mi auguro che anche lontano dai riflettori di questa campagna referendaria, quando non serviranno prove muscolari, tu vorrai continuare a dedicare attenzione alla nostra comunità. In tutta franchezza, dubito che i punti di riferimento che ti sei scelto ti chiameranno per risolvere qualcuno dei problemi di questa città, a partire, ad esempio, dal futuro dell’ormai ex ospedale “S. Camillo De Lellis”.

Ti saluto cordialmente,
Francesco Rogoli
Segretario PD Mesagne

Potrebbe piacerti anche

4 commenti

Altiero Spinelli mercoledì, 23 Novembre 2016 - 14:32

Gentile Direttore,
la lettera è a tratti ridicola ed a tratti raccapricciante.
Oltre al livore che traspare in ogni riga hanno fatto processo, sentenza e commisurato la pena, sia ad Emiliano che agli altri.
Peraltro Emiliano è venuto altre volte a Mesagne, ma non ricordo eventi di rilievo con il PD. Sarà che non sono in grado di rappresentare un riferimento? Eppure sono noti i loro tentativi, con il cappello in mano, cercando di accreditarsi presso lo stesso Emiliano quando ormai era in predicato di diventare Presidente della Regione e dopo averlo ostacolato in tutti i modi in passato!

Tuttavia la cosa più ridicola, è il il tentativo di addebitare ad Emiliano la sconfitta alle scorse amministrative.
Evidentemente non hanno capito nulla e sono destinati a perdere ancora…

Una nota di colore. Ti faccio osservare che le persone che hai scelto per la foto dell’articolo. Votano tutti no, sarà uno tuo scherzo o un lapsus freudiano?

Cosimo Saracino mercoledì, 23 Novembre 2016 - 14:38

Lo scherzo lo hai fatto tu a noi. La foto è una ed è di Francesco Rogoli. Tu ti riferisci alla foto pubblicata su un’altra testata di Mesagne, ma hai commentato qui sotto. Va bene lo stesso, glielo diciamo noi al prof.

Altiero Spinelli mercoledì, 23 Novembre 2016 - 14:44

ahahah.
Hai ragione Cosimo. Ma la sostanza non cambia :-)!

Renzo giovedì, 24 Novembre 2016 - 13:53

Manca il commento di Calamandrei e le foto di Civati e Migliore

Commenti chiusi.

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND