Home Attualità Papa Francesco e la Casa di Zaccheo  insieme per la dignità delle persone svantaggiate

Papa Francesco e la Casa di Zaccheo  insieme per la dignità delle persone svantaggiate

da Cosimo Saracino
0 commento 182 visite

La Casa di Zaccheo di Mesagne, con il sostegno di Papa Francesco, lancia un nuovo progetto volto alla promozione della dignità delle persone economicamente svantaggiate. Il Santo Padre, attraverso l’Arcivescovo mons. Giovanni Intini e il Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale, ha destinato oltre 16mila euro per finanziare l’iniziativa “La tua dignità: dalla tua storia e dal tuo lavoro”. 

Questo progetto prevede una serie di attività laboratoriali da completare entro un anno, finalizzate all’inclusione delle persone emarginate. Verranno attivati percorsi operativi, tra cui un laboratorio di sartoria, lavanderia e stireria, che permetteranno ai partecipanti di svolgere attività legate alle proprie competenze professionali, aiutandoli a ritrovare dignità e autonomia.

La Casa di Zaccheo, situata in via Maja Materdona, offre già un servizio di ascolto, una mensa giornaliera per circa 80 persone e accoglienza per soggetti sottoposti a misure di “messa alla prova” e “lavoro di pubblica utilità”. Gestita da un’associazione di volontari, promuove progetti di inclusione per chi vive in situazioni di emarginazione sociale.

Recentemente, Padre Fabio Baggio C.S., Sotto-Segretario del Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale, ha risposto alla richiesta dell’Arcivescovo, riconoscendo la validità del servizio offerto dalla Casa di Zaccheo e il valore del nuovo progetto. “Papa Francesco ha sempre condiviso l’idea alla base della Casa di Zaccheo,” spiega don Pietro Depunzio. “Nelle fasi di ristrutturazione della struttura, ricordo, fece arrivare un contributo importante che ci permise di completare le opere. In seguito, ha voluto incontrare i volontari e gli ospiti, e ora investe in questo progetto presentato grazie alla sensibilità del nostro Arcivescovo. La dignità delle persone passa attraverso i beni necessari alla sopravvivenza e le competenze che permettono di autosostenersi. La carità deve essere fatta bene per diventare strumento di emancipazione. Noi ce la mettiamo tutta, nonostante i nostri limiti e le tante difficoltà.”

Con questo progetto, la Casa di Zaccheo rilancia una sfida sociale e culturale, puntando a costruire un modello basato su “opportunità e responsabilità”, che permetta di contrastare la povertà e promuovere processi di inclusione attiva, rafforzando il senso di comunità e solidarietà.

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND