Home Politica Quale futuro per la giunta Molfetta ad un anno dalla nomina?

Quale futuro per la giunta Molfetta ad un anno dalla nomina?

da Cosimo Saracino
0 commento 179 visite

distante600X150

roberta denettoChe cosa accadrà nella giunta del Sindaco Pompeo Molfetta dopo le dimissioni dell’assessore Roberta Denetto? E’ la domanda che molti in queste ore si stanno ponendo.

Archiviato l’addio alla giunta della collega Roberta come una scelta personale e non politica, si apre uno scenario all’interno della maggioranza che vedrà impegnati nei prossimi giorni i maggiorenti della coalizione che solo un anno fa portò alla vittoria il primo cittadino Molfetta.

Trascorsi dodici mesi dall’elezione sembra oramai imminente una verifica dell’azione di governo. Ufficialmente, però, qualcuno si affretta a dire che: “Non c’è nessuna fretta”. Lunedì ci sarà il Consiglio comunale sul piano di riordino ospedaliero e i consiglieri si guarderanno in faccia proponendo qualche soluzione per affrontare la vicenda dimissioni.

Tra le proposte sul tavolo del sindaco ci potrebbe essere proprio l’organizzazione di una giornata alla presenza dei i partiti politici, i candidati al consiglio comunale e i consiglieri di maggioranza per verificare l’azione dell’Amministrazione e scegliere gli obiettivi per i prossimi quattro anni.

E’ inutile negare, però, che da qualche tempo si ipotizzava un rimpasto negli assessori al fine di rivitalizzare l’azione amministrativa piuttosto stantia. Se verrà scelta la strada del rimpasto tante potrebbero essere le ipotesi in campo e nessuna, almeno al momento, sembra essere quella giusta.

Ma proviamo ad ipotizzare anche noi alcuni scenari:

giuntamolfettaUna giunta rivoluzionata in toto. Tutti gli assessori, dopo la verifica in maggioranza, potrebbero lasciare l’incarico e consegnare le deleghe in mano al sindaco che li assegnerebbe ad altri scelti con lo stesso metodo di un anno fa. Questo però fermerebbe alcuni processi virtuosi messi in campo per alcune deleghe.

Una giunta con alcune riconferme e nuovi innesti. In questo caso tra gli assessori che potrebbero essere ‘promossi’ durante la verifica di maggioranza ci sarebbe l’architetto Palma Librato. In questo primo anno di impegno nella giunta Molfetta, la Librato si sarebbe distinta per vivacità e proposte nel suo lavoro. Tutti gli altri, invece, avrebbero qualcosa da farsi perdonare in termini di efficienza. Per questo potrebbero essere sostituiti. Ragionamento a parte per l’assessore alle attività produttive. L’avvocato Marotta conserva forte il suo legame con i consiglieri comunali Gino Vizzino e Antonello Mingenti che si riconoscono nel suo operato.

Sostituire solo la Denetto. Se verrà perseguita questa ipotesi toccherebbe al Sindaco Pompeo Molfetta avanzare un nome per la staffetta. Chi verrà nominato? Sarà un politico o una personalità esterna alla maggioranza? E il direttore artistico Maurizio Piro come prenderà la nuova eventuale esclusione dall’assessorato alla Cultura?

Per il momento non ci sono nomi ufficiali in giro. Si aspetterà la prossima settimana per decidere metodo e contenuti. Le opposizioni sono ancora alla finestra per vedere che cosa accadrà nelle prossime ore, ma c’è già qualcuno che ha commentato l’accaduto con queste parole: “Aspettavamo un rimpasto dei dirigenti comunali e dopo un anno ci troveremo con un rimpasto degli assessori”.

C. S.

spazio elettorale a pagamento a cura dei committenticbo

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Privacy Policy Cookie Policy

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND