Home Dal Territorio Sabato 5 novembre al Castello recital “Come eravamo negli anni ’70”

Sabato 5 novembre al Castello recital “Come eravamo negli anni ’70”

da Cosimo Saracino
0 commento 221 visite

 

anni-70Dopo il successo dello scorso anno con il recital “ Come eravamo negli anni  ’60…e come ci cambiarono”, Emanuele Castrignanò  ed il complesso  musicale La Compagnia group, con il Patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Mesagne, ritentano e presentano, SABATO 5 NOVEMBRE ORE 19,30,  presso l’Auditorium  del Castello di Mesagne,  il nuovo recital  “ Come eravamo negli anni  ‘70”  Fatti, Canzoni, Poesie.

Come sempre INGRESSO GRATUITO, ma quest’anno la Caritas, presente con il responsabile Don Pietro De Punzio  raccoglierà offerte che  liberamente si potranno  fare per i terremotati dell’Italia centrale.

Gli anni  ’70 rappresentano un periodo significativo e complesso della storia d’Italia. Perché mentre si cerca di consolidare quanto già ottenuto con le lotte sindacali e degli studenti del 68 e 69, vedasi Statuto dei diritti dei lavoratori, rinnovi contrattuali, politiche delle Riforme, si affermano anche diritti civili quali la  Riforma sul Diritto di Famiglia che contempla le pari opportunità tra coniugi, il Divorzio e l’Aborto.

Esplode la voglia di crescita, di creatività e questo influenza la moda, i costumi, la musica.

Domina la trasgressione. Tra i giovani, lo stile di vita è improntato alla pratica del sesso libero, delle droghe e della protesta.

Dalla protesta sociale si passa alle diverse forme di estremismo che porteranno al terrorismo, alla lotta armata, agli anni, cosiddetti di piombo.

Sono anni difficili ed ancora ricchi di misteri,  di mezze verità, di servizi dello Stato deviati, di stragi ed assassinii senza colpevoli.

In questo clima, crescono le Brigate rosse, le cui azioni violenti raggiungono il culmine con il rapimento dell’On.le Aldo Moro, la sua uccisione e quella della sua scorta.

La situazione economica subisce contraccolpi, ristrutturazioni industriali, crisi di settori, licenziamenti, processi inflattivi e caduta degli investimenti. La crisi si ripercuote ancor più al Sud, a Brindisi, nella nostra realtà che deve fare i conti con gli esuberi, per fine lavori, dei lavoratori delle imprese operanti nel Petrolchimico, la cui situazione si   aggrava con lo scoppio del P2T la notte del 7 dicembre 1977, nel quale persero la vita 3 operai .

Mentre snocciola queste notizie Emanuele Castrignanò, le musiche e le canzoni del tempo faranno da colonna sonora, suscitando certamente ricordi ed emozioni.

Fatti, personaggi, avvenimenti, che hanno interessato in quegli anni  Mesagne, saranno ricordati, come tocchi di pennello,  dalle poesie dialettali di Castrignanò, arricchite dalla sua  particolare verve, sempre più spiccata,  quando decanta la sua Mesagne, le sue storie le sue tradizioni.

Colonna sonora, il complesso musicale La Compagnia group con Gianni Manca, Vincenzo Carriero, Diego Mangia, Marco Fina, Vincenzo Gatto e le splendide voci di Luca Caponegro, Chiara Gatto e la cantante professionista Stefania Tanzarella.

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND