Home Attualità Progettiamo Mesagne: “bike sharing” non ci soddisfa la risposta del Sindaco

Progettiamo Mesagne: “bike sharing” non ci soddisfa la risposta del Sindaco

da Ivano Rolli
0 commento 222 visite

mesagne_voice_650x150Riceviamo e pubblichiamo – Malgrado siano tanti i problemi che dopo la denuncia delle bici comunali sono emersi nella gestione amministrativa di questo paese (trasporto pubblico studenti, integrazione scolastica, ecc.) e che impongono altrettanta considerazione e attenzione,  sentiamo tuttavia il  dovere di fare  una breve riflessione sui contenuti della risposta fornita dal Sindaco sulla vicenda del progetto “bike sharing”e delle bici scomparse.

Sul punto è necessario  sottolineare che all’indomani della denuncia, Progettiamo Mesagne e il consigliere Dimastrodonato, avevano depositato (oramai più di un mese fa) la richiesta di visionare l’inventario completo dei beni mobili comunali al fine di comprendere come vengono gestiti i beni appartenenti ai cittadini. Ci sarebbe piaciuto rispondere sulla vicenda delle bike sharing proprio partendo quindi da un’analisi più ampia dei beni comunali; purtroppo non è stato possibile perché ad oggi, nonostante le sollecitazioni, questo inventario non è stato ancora consegnato. Questione grave che evidenzia come questa amministrazione non garantisce il pieno diritto di accesso agli atti ai consiglieri di minoranza nei tempi previsti dalle leggi e dal regolamento comunale.

Il dato di partenza dunque è solo la risposta del Sindaco, che appare a dir poco confusa, caotica e approssimativa e che, agli occhi anche del più attento lettore, non chiarisce neppure uno dei dubbi sollevati nell’interrogazione promossa da Progettiamo Mesagne.  Nello specifico, malgrado lo sforzo di ricostruzione operato dall’Assessore Marotta, non è chiaro quante bici sono rientrate in possesso dell’amministrazione comunale dopo la denuncia sollevata e “chi” e per “quali ragioni”  ne era in possesso.  Il problema si pone  principalmente  per le bici lasciate  in tutti questi anni nella disponibilità esclusiva di privati, e mai riconsegnate all’amministrazione se non dopo la recente denuncia sollevata. La questione è di non poco rilievo perché, nonostante l’esistenza di un progetto per favorire la mobilità alternativa cittadina, si è avallato negli anni,  una dispersione, una distrazione di beni pubblici dalle finalità progettuali fissate, un uso illegittimo e incontrollato,  favorito dall’incuria e dall’inerzia di chi avrebbe dovuto monitorare e garantire il rispetto della  res pubblica.

Ad oggi, dunque, il quadro ricostruito non può dirsi  assolutamente né completo né lineare; non sono chiare le responsabilità di chi ha permesso o  soltanto favorito questa situazione. I cittadini attendono non verifiche  approssimative,  ma risposte chiare e soprattutto “decisioni autorevoli”, che lontane dal mettere alla gogna questo o quel dipendente o funzionario  “poco attento”,  diano invece attraverso “provvedimenti concreti” nei confronti dei responsabili,  un segnale chiaro e univoco sull’attenzione che la pubblica amministrazione deve necessariamente avere nei confronti di beni che appartengono  a tutti i cittadini.

Il coordinatore di progettiamo Mesagne

Antonio Calabrese

 

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND