Home Primo Piano In un’ora 44 millimetri di pioggia. E la città soffre ancora

In un’ora 44 millimetri di pioggia. E la città soffre ancora

da Cosimo Saracino
0 commento 189 visite

devicienti 600x120con bagno chimico

viale-indipendenza44 millimetri di acqua. E’ questo il dato più impressionante che la stazione pluviometrica, collocata nell’ex scuola Marconi, ha segnalato alle 14 di ieri pomeriggio. Una quantità di pioggia considerevole che ha provocato diversi disagi in tutta la città. Ancora una volta, l’ennesima, via Tumo si è alluvionata e le abitazioni si sono riempite di acqua. Diverse famiglie nel pomeriggio sono state costrette a tirare acqua dalle proprie abitazioni.

E poi Via Carmine e piazzale San Michele Arcangelo sono diventati un lago. Qui è stato necessario far intervenire la pompa idrovora della Protezione Civile per aspirare l’acqua che si era infiltrata nel sotterraneo di un condominio allestito a palestra. Anche i sotterranei dell’ospedale si sono riempiti di acqua. In serata è dovuto intervenire un autospurgo per liberare gli scantinati sotto la farmacia dalle piogge. Via Marconi, Via Merano, Viale Indipendenza, zona Papa Sisto da ogni angolo della città sono arrivate le segnalazioni di un disagio conosciuto e spesso sottovalutato.

idrovoraDopo le prime avvisaglie presso il comando dei Vigili urbani si è riunito il comitato operativo contro le emergenze per coordinare gli interventi sul territorio. In servizio in quel momento c’erano pochissimi vigili che hanno, però, affrontato l’emergenza con professionalità e senso del dovere. Tombini saltati, asfalto sgretolato, qualche ramo spezzato così si presentava questa mattina la città. La pioggia forte ha anche lavato le strade trascinando tutta quella spazzatura lasciata per terra da mesagnesi incivili. E’ stato forse questo uno dei motivi per cui tante caditoie si sono bloccate e l’acqua non è riuscita a defluire.

Mille problemi, tante cose ancora da fare. Il canale di via Brodolini stracolmo di erbacce, in un punto è cresciuto anche un albero e poi tanti rifiuti. Chi avrebbe dovuto pulire? Forse l’Arneo o il Comune? La pioggia caduta questa volta è stata si tanta, ma a confronto con quella che cadde il 2003 (circa 100 millimetri) non è stata poi così tanta. Bisogna continuare con le opere di mitigazioni del rischio idrogeologico, non ci sono altre soluzioni.

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND